Care, vecchie (stanche) Fiere d’Ottobre

Cominciano nel fine settimana le Fiere d’ottobre a Sassuolo che quest’anno, grazie alla benevolenza del calendario, possono contare su cinque week end e quindi anche sulla Fèra di stumpai, che compare solo quando si va oltre i quattro fine settimana.

Il calendario è come sempre ricchissimo, grazie all’impegno del Comune, del Comitato commercianti e di decine di associazioni di volontariato.

In questo primo week end il pezzo forte sarà, come per i prossimi l’appuntamento con gli scrittori, “11 Ora dell’autore”, domenica alle 11. Il primo è con Andrea De Carlo con un reading musicale dal suo volume “L’imperfetta meraviglia”. Per la prima volta l’incontro con gli autori si tiene nella corte di Palazzo Ducale, a rendere ancora più speciale l’appuntamento.

L’altro evento che caratterizza il primo week end è la rassegna bandistica Città di Sassuolo giunta alla trentacinquesima edizione e organizzata dalla Banda cittadina La Beneficenza insieme al corpo bandistico Città di Fabriano.

Poi? Poi c’è tutto quello che le Fiere da sempre offrono: mostre di pittura e di arte, raduno di auto vecchie e vecchissime, bancarelle, offerte, negozi aperti, dimostrazioni sportive, i banchetti dei ragazzi delle scuole che vendono giochi per autofinanziamento. Nel primo week end arriva anche la Maratona delle canalette a San Michele.

Un programma così rodato e collaudato che si potrebbe citarlo a memoria anche senza leggerlo. E forse questo è anche un problema, perché da tempo le Fiere hanno smesso di essere proposta per diventare rito. E’ vero, ogni anno c’è la disponibilità di tante persone a rifare la cosa dell’anno prima. Ma la scintilla manca, l’apertura a qualche novità, la sfida di qualche autore che non sia quello di Treno di Panna o una nuova rievocazione del mitico Pierangelo Bertoli.

Paradossalmente, gli appuntamenti più belli di questi giorni sono fuori Fiera: i Racconti di pellegrini del 9 ottobre al Gallo azzurro di Leo Smiraglio; o il libro del giovane Giacomo Mazzariol, “Mio fratello rincorre i dinosauri”, caso editoriale dell’anno che però non va alla corte ducale ma al Centro per le famiglie, e non di domenica ma mercoledì 5 ottobre. O sono in Comuni vicini che in mancanza di una tradizione fieristica pensano ad altri esperimenti: i dj dalla balconata di Palazzo Astoria a Fiorano, i corsi di improvvisazione o per videomaker a Casa Corsini o la nuova stagione dell’auditorium a Maranello (certo che la mancanza di un teatro si sente).

Sassuolo non rischia più ma si affida a un’istituzione forte e ben collaudata che, anche se magari gli anni pesano e il passo è stanco, comunque non delude mai. Quindi benvenute, care vecchie Fiere d’ottobre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...