Ma i 5 Stelle che ne pensano del teatro che non c’è e della cultura a Sassuolo?

E’ lecito fare una domanda ai rappresentanti sassolesi del Movimento 5 stelle? Ma loro cosa ne pensano del teatro Carani, del teatro san Francesco e di una città che da cinque anni non ha più un cinema e da due non ha più un palcoscenico?

No, perchè cosa ne pensano gli altri lo sappiamo. L’amministrazione comunale pensa che riaprirà il Carani, il San Francesco, il Crogiolo Marazzi, un teatro tenda e forse anche il Politeama, l’unico che sarebbe già di sua proprietà e “ha la ferma intenzione di farlo”, abbiamo letto sulla stampa. ma come, quando e con che soldi non è dato saperlo. L’unica realtà è che anche il 2016 finirà senza cinema e teatro (no, una rassegna estiva in un parco di film di seconda visione non basta, a Fiorano fanno le prime visioni, L’Amleto e il balletto); che Ute Lemper è andata a cantare all’Astoria perchè pioveva e il premio Pierangelo Bertoli lo fanno allo Storchi di Modena (anche se per senso di colpa l’amministrazione sassolese lo ricopre d’oro).

Cosa ne pensano quelli di prima, che hanno chiuso il cinema San Francesco nel 2011, lasciato morire il cinema al Carani nel 2012 e che per pura fortuna sono scesi dalla poltrona quattro mesi prima che il controsoffitto crollasse, anche questo lo sappiamo: è uno scandalo, una vergogna, a Sassuolo manca la cultura bla bla bla, avevamo fatto un disegnino con i pennarelli di un multisala alla Cisa Cerdisa e non c’è più. Anche qui la realtà è che fare cultura in quel quinquennio lì è stato molto difficile, che la piccola Sala Temple aveva una convenzione capestro con zero contributi e spese a carico, corretta dall’attuale amministrazione, che vennero ritirati i contributi al San Francesco (50mila euro) e al Carani c’erano ormai cinque o sei spettacoli di cartello e il resto fatto con le scuole di danza e i gruppi musicali locali.

Ma i 5 Stelle cosa ne pensano? No, perchè si profila un futuro in cui potrebbero addirittura essere forza di governo. E finora si sino lamentati solo di questioni procedurali, sull’ordinanza di chiusura, sul contratto  con manutenzione a carico del Comune. Ma del fatto che siamo senza teatro e senza cinema non si sono preoccupati molto. Se i chiari di luna sono quelli della giunta Appendino, che a Torino sta facendo piazza pulita di mostre d’arte, rassegne jazz, saloni del libro, c’è forse da preoccuparsi, nonostante in consiglio sieda un rappresentante 5 Stelle che si definisce autore, scrittore, poeta, ex artista di strada e amico di grandi personalità del teatro.

Come risolverebbero loro le carenze culturali di Sassuolo? Hanno un’idea? E’ nel programma e non l’abbiamo vista? Se la sono scambiata ai Meet up? Possiamo saperla?

Nel caso l’indirizzo labretella2016@gmail.com è a disposizione

Grazie in anticipo

Annunci

One thought on “Ma i 5 Stelle che ne pensano del teatro che non c’è e della cultura a Sassuolo?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...