Questa è una pista ciclabile: la prima a Sassuolo in 10 anni. Promessa da dodici

Questa, fate bene attenzione bambini, alcuni di voi già grandi che non ne hanno mai vista realizzare una, è una pista ciclabile. E’ stata realizzata a Sassuolo, collega la zona Ancora-Pista a via Radici e da lì al centro, tutto in ciclabile e in sede protetta.

E’ la prima pista ciclabile realizzata a Sassuolo da nove anni. L’ultima la realizzò l’amministrazione precedente nel 2009, prendendosi in carico a malincuore un progetto già accantierato dalla giunta di Pattuzzi e facendolo a pezzi, spostando il tracciato perchè doveva passare dove un leghista voleva invece parcheggiare il suo camion. Da quel tratto inutile in zona artigianale a oggi, non era stato realizzato più niente. Voi bambini che finite quest’anno le elementari non avete mai visto costruire una pista ciclabile a Sassuolo.

Ma c’è di più: questa ciclabile dall’Ancora a via Radici, era stata promessa per la prima volta 12 anni fa (dodici) nel 2007 dal sindaco di allora, Pattuzzi. E’ stata ripromessa ogni anno da lì in avanti nelle riunioni di quartiere ma mai neanche ipotizzata quando c’era da farla veramente. L’ha fatta Claudio Pistoni. Ma il sindaco che l’ha fatta, è quello più criticato degli ultimi vent’anni per la sua “insensibilità ambientale”. Al punto che l’assessora all’ambiente si è dimessa.

Quello che ha fatto realizzare un parco pubblico su due colline che sono state generate da una mega-discarica; quello che ha ottenuto fondi per rifare i giardini ducali; che ha reso fruibile un parco da vent’anni senza illuminazione; quello che quando amministrava Fiorano ha realizzato, preso per il culo da mezza provincia, il Festival della Green Economy.

Bocciato proprio sui temi ambientali e del benessere cittadino, “perchè è poco coraggioso”; “perchè manca la progettualità”; “perchè non basta una pista ciclabile”.

Per una volta spezziamo una lancia a favore di un sindaco sicuramente accentratore, sicuramente non privo di difetti e magari non concentrato su ogni aspetto della vita cittadina allo stesso modo.

E sfatiamo anche qualche mito: non esiste un piano delle piste ciclabili. Falso. Esiste da vent’anni, con tanto di cartine ed è stato in buona parte realizzato. L’ultima versione del piano presentava ancora alcune criticità: soprattutto tratti di attraversamento da completare per garantire la sicurezza; e l’altra esigenza era appunto il collegamento del quartiere Ancora, che restava escluso dalla rete. A parte alcuni tratti, periferici oggi resta quindi vero e non smentibile che da via Ancora o comunque da un confine di Sassuolo in zona Secchia  a caso, puoi montare in bicicletta e arrivare fino a Maranello su pista ciclabile (anche il tratto fioranese avrebbe bisogno di miglioramenti ma esiste eccome).

Un piano per il futuro dovrebbe migliorare le piste non dotate di sede protetta, collegare i tratti che ancora non lo sono, magari per qualche decina di metri e poi occuparsi dell’educazione dell’utente. Dire che non esiste un piano è falso. Dirlo a chi ha realizzato la prima ciclabile dopo dieci anni di vuoto, è solo assurdo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...