W la bretella. Forse

Da quando abbiamo aperto questo blog, il nome e l’impostazione hanno reso palese ed evidente il favore verso la bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo.

Non abbiamo cambiato idea, continuiamo a pensare che chi si ferma al ragionamento elementare “meno strade e più ferro o più biciclette” senza valutare il quadro di insieme, sbagli. Continuiamo a pensare che la bretella, dirottando il traffico pesante dal centro e dalla cintura sassolese, farà bene alla città, esattamente come la Modena-Sassuolo ha fatto bene a Corlo e Cognento. E che potrà farne anche il bene nel futuro industriale e logistico. Campogalliano non avrebbe una dogana e una zona artigianale senza il casello dell’A22, avrebbe forse quattro fattorie e un po’ di vacche.

Eppure non ci sentiamo di esultare per lo sblocco accordato dal ministro Toninelli, l’ennesimo sblocco del resto, dopo altri dieci mesi persi per niente. La Regione annuncia i lavori in estate, ma poi si parla già di settembre. Passeranno ancora dei mesi. A settembre potrebbe essere successo di tutto: dal crollo del governo al crack di stato, con una finanziaria da trenta e passa miliardi da reperire che potrebbe porre un’ulteriore stretta, o almeno una pausa, agli investimenti. Non è ancora detta l’ultima parola insomma.

E poi c’è anche la questione Greta Thunberg: stiamo fortemente sperando che questa onda giovanile di protesta e consapevolezza ambientalista ci indichi un’altra strada. Ma un’altra per davvero. Quello che abbiamo letto e sentito finora come alternative proposte dai soliti vecchi tromboni fa ridere se non piangere: percorsi alternativi da realizzare su strade vicinali della via Emilia, sbancando mezza provincia e aggiungendo casino al casino, trenini rottame che d’incanto dovrebbero trasformarsi in reti di trasporto essenziali, città ciclabili come a Oslo o a Berlino usate come slogan senza chiedersi le differenze e le difficoltà. Il tutto senza pensare che anche se non fossero cavolate, queste cose arriverebbero forse in vent’anni.

“Se il sistema non funziona forse bisogna cambiare il sistema”, ha detto Greta. La chiave è lì. Ma per cambiare il sistema bisogna che a farlo sia chi non è già finito nell’ingranaggio. Viva la bretella e l’inizio dei lavori quindi. Al momento è l’alternativa migliore che abbiamo.

Ma ci sarebbe tempo per trovarne un’altra vera. Dai ragazzi, cominciate a costruire il futuro. “Il cambiamento è già iniziato”, dice Greta. Ma solo voi potete vederlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...