Il bello di avere un cinema che funziona. Film con dibattito a Fiorano

Quanto può essere “anti-economica” una rassegna di quattro film di “cinema e psicologia”, con relazione e eventuale dibattito? Roba che magari si faceva negli anni Settanta ma che adesso, dove a decidere le sorti di qualunque cosa è il fatturato, sembra fuori dal tempo. Invece è quello che accadrà a Fiorano dal 24 ottobre (poi 7, 21 e 28 novembre). Quattro film assolutamente storici e fondamentali, unica rappresentazione alle 20,15, con esperti a parlare dei temi appena visti sullo schermo.

Continua a leggere “Il bello di avere un cinema che funziona. Film con dibattito a Fiorano”

Annunci

Gardenia Orchidea, nuova relazione integrativa del 20/09 del commissario giudiziale: più ombre che luci

logo-gardenia-orchidea1

Alla fine di settembre 2016 il commissario giudiziale del concordato di continuità della Gardenia Orchidea Avv. Sovieni, rietiene necessario fare un aggiornamento della situazione al ceto creditorio a poche settimana dal deposito della relazione ex art 172 della legge fallimentare. Quali sono stati i fatti che hanno richiesto questa integrazione? Grazie ai soliti bene informati siamo riusciti a scoprire i contenuti di questo aggiornamento che vediamo di raccontarvi brevemente.

Continua a leggere “Gardenia Orchidea, nuova relazione integrativa del 20/09 del commissario giudiziale: più ombre che luci”

I giornali rilanciano la nostra news sul matrimonio tra Marazzi ed Emilceramica (naturamente senza citare la fonte…) Domani altra news su una azienda in forte crisi…

Continua a leggere “I giornali rilanciano la nostra news sul matrimonio tra Marazzi ed Emilceramica (naturamente senza citare la fonte…) Domani altra news su una azienda in forte crisi…”

Il burocrate

Il burocrate sta dentro l’amministrazione da sempre. Ha un volto e un nome ma le sue decisioni non ce l’hanno. Il burocrate passa la maggior parte della sua esistenza a giustificare la sua esistenza. Per farlo ha bisogno che una procedura snella diventi complicatissima, perché se fosse snella chi si rivolgerebbe al burocrate? Nel tempo in cui nessuno si rivolge a lui, il burocrate passa il tempo a farsi venire l’acido allo stomaco pensando che tanta gente non ha studiato quanto lui, ha fatto la bella vita e magari non sta tutto il giorno in un ufficetto a pensare a come giustificare la propria esistenza. Ecco, tutti costoro la devono pagare, quindi la vita gliela complica lui.

Il burocrate decide che una corsa podistica che per 18 anni è passata nei parchi cittadini, stavolta non ci può passare e devia i podisti in strada in mezzo alle macchine. Può farlo, perché tanto nessuno sa a quale articolo di legge faccia riferimento e ora che si è capito, la corsa è già finita.

Oppure può decidere che una corsa in cui ci si lancia polvere colorata che con due piovute scompare, ha bisogno di un piano di pulizia che neanche la bonifica dell’amianto.

Il burocrate può decidere che un gazebo che stava lì da dieci anni, non ci può più stare perché la regola è cambiata e sporge di quindici centimetri, o la tenda è troppo color pastello; il burocrate può decidere che la porta del bagno del call center non può più essere di 80 centimetri ma deve essere di un metro; che nello statuto della tua associazione dove c’è scritto per sarebbe meglio se ci fosse scritto con, quindi è meglio se lo rifai e lo registri di nuovo all’agenzia delle entrate, pagando di nuovo la relativa tassa di 350 euro.

Impossibile contestare la decisione del burocrate. Lui farà sempre appello a leggi, commi o sottocommi che tu non potrai mai conoscere. Perché il burocrate passa le giornate a scovarli, tu no.

Ma fosse solo quello. Il burocrate può decidere che quel tizio veramente bravo che vorresti nella tua amministrazione non ci può venire a lavorare, devi fare un concorso con numerosissimi paletti giustificativi, relazioni, curriculum, fidejussioni; che il personale che è andato via per pensione o scelta non lo puoi sostituire, devi fare senza, cazzi tuoi; che quel lavoro non può farlo quella ditta bravissima, di concittadini che hanno appena finito di lavorare per la Nasa, devi fare una gara al massimo ribasso e prenderti chi vince, anche se non hai idea di chi sia; che le matite non puoi comprarle in negozio, ma devi fare un’indagine esplorativa e conoscitiva su tutte le ditte italiane che vendono matite e sono iscritte a un certo elenco. Intanto che aspetti caso mai portati una matita da casa.

Il burocrate giustifica sempre le sue scelte con la frase “se no poi ci vado di mezzo io…”. In realtà lui non ci va mai di mezzo, nessuno se lo fila, nessuno sa chi sia e anche quando qualche decisione risulterà inequivocabilmente sbagliata il burocrate non pagherà, pagheranno il sindaco, l’assessore e il burocrate resterà nel suo ufficetto, ad aspettare i prossimi.

Ma il burocrate se e quando vuole può comportarsi esattamente al contrario. Il posto così complicato da ottenere calza proprio a pennello per le caratteristiche dell’amico di sua moglie e d’incanto tutto si sblocca; il gazebo del bar del cognato rientra perfettamente nelle caratteristiche del nuovo regolamento, anzi sembra quasi fatto su misura, che fortuna… anche su mille curriculum, un complicato calcolo di punteggi, con parametri per carità, verificabili e trasparenti, porta del tutto casualmente alla scelta delle figura indicata dall’amministrazione, sempre che prima la suddetta non abbia fatto arrabbiare il burocrate…

In più di venti anni in cui ogni governo centrale e locale ha blaterato di snellire, velocizzare, semplificare, si è mai semplificato qualcosa? C’è meno burocrazia, ci sono regole più semplici per qualunque cosa, dall’aprire un bar a organizzare un evento, dal costruire una casa a partecipare a un concorso?

Si sono inventati sistemi per appalti sicuri e acquisti sicuri che non regge neanche il cervellone di Quantico. Si sono inventati il Consip, il Mepa, Intercent, che fanno risparmiare centralizzando gli acquisti. Risulta che gli appalti siano più sicuri, che le costruzioni sorgano più in fretta e con miglior qualità? Risulta che ci siano importantissimi risparmi negli acquisti delle pubbliche amministrazioni? E se sì (ma comunque no), a fronte di quali e quante difficoltà per aziende che devono assumere una persona solo per le pratiche burocratiche necessarie per poter ottenere una fornitura?

Al burocrate non interessa di queste problematiche: sei nella melma, una melma vischiosa da cui non puoi liberarti da solo. Ti ci porta fuori lui, se gli va. E’ per questo che dicono esista…

Fiorano centro diventa “Free music”. Niente spese e Siae agli artisti emergenti

Il centro di Fiorano diventa ‘Free music’ grazie all’iniziativa FFM proposta dal Caffè del Teatro Astoria sulla base dell’ordine del giorno presentato dal consigliere Simone Zocchi e approvato dal Consiglio Comunale: vene offerta ad artisti emergenti la possibilità di eseguire performance musicali dal vivo e divulgare la loro arte senza avere l’onere di pagare Siae e service musicali perché “coperti” da soggetti sostenitori. E in diversi hanno risposto, dal Comune ad aziende e associazioni di categoria.

“Personalmente vedo il FFM come un organismo vivente che possa evolvere nel tempo, in base al contesto e alle idee che arrivino da cittadini e/o professionisti della musica e spettacolo – racconta Simone Zocchi che, con un gruppo di fioranesi, si è impegnato a rendere concreto il progetto – Questa prima edizione è solo un inizio che vogliamo poter ripetere anche l’anno prossimo, se possibile, anche in un arco temporale più ampio e magari su tutto il territorio comunale. Infatti abbiamo creato un logo ad hoc del progetto proprio perché vogliamo che diventi un Brand che vogliamo portare avanti”.

E gli altri Comuni che fanno? Perché questa non potrebbe essere un’iniziativa comprensoriale, di Unione invece dell’estemporanea idea di un consigliere amante della musica? Pensare per esempio, alla fatica fatta a Sassuolo per far passare un odg di accoglienza ai buskers e agli artisti di strada, non lascia sperare esattamente in un intento comune su questi temi.

Questa prima edizione di Fiorano Free Music, si apre con una serata speciale domenica 4 settembre: nel centro parrocchiale a fianco della chiesa di San Giovanni Battista, gli 8Mani animeranno uno spettacolo di improvvisazione teatrale.

Le altre serate si svolgeranno in Piazza Ciro Menotti, con inizio alle 19 per continuare tutta la sera. Venerdì 9 settembre con ‘Materassi free music’ tre band suoneranno blues, rock ed hard rock). Sabato 10 settembre ‘Rock and Rockabilly Night’ inizia con il concerto de ‘The Flying Notes ‘e prosegue con ‘Roller rock around the 50’s’.

Sabato 17 settembre ancora doppia esibizione rock-pop con I ‘Quid ed Aforisma’ e ‘ Davide Liperoti’. rock-pop. Venerdì 23 settembre Antenna 1 RockStation dalla terrazza dell’Astoria si diffonderà il dj set di Antenna1 Rock Station, con Wainer Luis Bedo, DjLara e Dj Andrea Nocetti.

La conclusione sarà sabato 1 ottobre con ‘Barberia Night’.

Tanti stanno scrivendo per partecipare alle serate e l’organizzazione ha ideato anche uno spazio off, in cui altri non annunciati potranno a loro volta esibirsi sempre con le spese pagate.

Lorem ipsum dolor sit amet

Lorem ipsum dolor sit amet, an per semper interesset appellantur, mel et explicari principes repudiandae. Ad pri apeirian maiestatis, duo platonem similique dissentias in. Omnes delenit pertinacia ius ea, homero semper omnesque vix ut. Duo zril suscipit necessitatibus ea. Has alia bonorum at, labitur conceptam disputationi ei mei.

Mea sumo sale mnesarchum te. Scaevola molestiae temporibus nec id, possit appetere splendide his te. Mea paulo simul ne, an semper nonumes copiosae his, modus urbanitas ut mea. Cu illud quaestio eam, fugit officiis mel ei. Solum malis pericula quo id, pro no etiam soluta commodo.

Qui an omnes invenire suscipiantur, eos malis tamquam te, ea vim prima habemus expetenda. Quo officiis complectitur ut. Eos rebum epicuri deseruisse at, mel ut sonet solet cetero, eum nostro viderer reprimique te. Cetero scribentur suscipiantur in mea, nullam oporteat nam et, at atqui velit clita sit.

Ut timeam appellantur vix. Equidem omittam pri at, sit at deseruisse contentiones. In nullam prompta intellegat vis. At eam elitr nusquam interesset. Vel ea consul habemus. Vim aliquid ponderum te.

Sea id soleat petentium sapientem. Pri errem laboramus ne. Ut vel numquam debitis iudicabit, magna dicam volumus eu pri. Cu mel nibh tibique rationibus. Id latine nostrud eum, nec at quod putent, per id legimus tractatos. Est bonorum similique persequeris ei, vocibus tincidunt ut cum.